La Comunità

IDENTITÀ SPIRITUALE

      Accostandoti al monastero ed entrando nella sua chiesa, dove in certe ore del giorno è possibile assistere alla preghiera corale dellacomunità monastica, ti sarai forse chiesto: Chi sono i monaci? Che cosa fanno? Come vivono?

Sono gli stessi monaci che in questo sito vogliono offrire, assieme al loro cordiale saluto, una breve risposta ai tuoi interrogativi, introducendoti negli aspetti essenziali che delineano la vita monastica che si ispira alla Regola di S. Benedetto (sec. VI) , e che noi ci impegniamo ogni giorno a riattualizzare  in  questo nostro monastero.


LA PREGHIERA

     

 

La preghiera è lo strumento più importante per incontrare Dio e stabilire l'unità di una comunità monastica. Essa nasce dall'ascolto della Parola di Dio, letta e meditata nel silenzio interiore, è risposta a questa Parola, effusione del cuore davanti al nostro Salvatore. 

La preghiera manifesta la sua capacità di fondare la comunione fraterna soprattutto nellaliturgia, dove l'intera comunità si raduna per ascoltare, lodare e ringraziare il Signore.

 Nella preghiera, che riveste anche la forma d'intercessione, i monaci sono chiamati a rendersi presenti alle necessità della Chiesa e del mondo, ricordando a Dio le angustie e le difficoltà degli uomini loro fratelli.


 

SAN BENEDETTO DA NORCIA

BENEDETTO XVI

UDIENZA GENERALE

Piazza San Pietro
Mercoledì, 9 aprile 2008

 


Cari fratelli e sorelle, 

vorrei oggi parlare di san Benedetto, Fondatore del monachesimo occidentale, e anche Patrono del mio pontificato. Comincio con... (continua nel pdf)

San BenedettoSan Benedetto [26 Kb]

LA REGOLA DI SAN BENEDETTO

Di san Benedetto da Norcia (480-547) si è parlato e si parlerà sempre. È uno di quegli uomini che hanno lasciato una traccia indelelibe nella storia della Chiesa e della civiltà umana.
Conosciamo la sua vita grazie al racconto che ne fa san Gregorio Magno (+604). Ma soprattutto dalla Regola che scopriamo il suo animo e la sua forte personalità.

Nella Regola si enunciano princìpi e valori che hanno grandizzima importanza per la formazione dell'uomo, di ogni uomo e , quindi, della società di tutti i tempi. Molte sue idee, molte sue intuizioni, scaturiscono dalla pure fonti del vangelo, sono passate in questi ultimi quidnici secoli dal piano teorico al piano operativo e non solo nei monasteri, ma anche all'interno della società civile e nella religiosità di molti popoli occidentali. L'Europa - che lo invoca come Padre e Patrono - gli è debitrice in modo del tutto speciale. Dall'originale latino della Regola siamo passati alla sua traduzione italiana, superando non lievi ostacoli. In questa traduzione abbiamo preferito procedere con una certa libertà, preoccupati soprattutto di rendere intellegibile il pensiero di Benedetto all'uomo d'oggi.

In questa nuova edizione è stato inserito un utile indice delle citazioni bibilice e patristiche presenti nella Regola.

Questo testo che, sulla scia del vangelo, esprime e condensa una spiritualità limpida e vigorosa, possa non solo contribuire a far comprendere l'esperienza monastica, ma anche offrire un manuale pratico a quei cristiani che vogliono vivere quotridinamente il messaggio che rivolge loro il Cristo, eterno contemporaneo.

Gli orari della Comunità


FERIALE                                                         DOMENICA (e festivo)


5.00  Sveglia                                                  5.00 Sveglia

5.30  Ufficio delle letture                                  5.30 Ufficio delle lettuure
        e Lectio divina                                                e Lectio divina

7.15  Lodi e studio                                          
           
                                                                   7.30 Lodi

8.40  Ora terza e lavoro                                  8.40 Ora terza

                                                                   9.00 S. Messa

                                                                                    11.00 S. Messa*



12.40 Ora sesta (11.15 in quaresima)                  

13.00 Pranzo e riposo                                     13.00 Pranzo e riposo

16.00 Vespri                                                  

16.30
Lavoro o studio

                                                                   17.00 Vespri*

18.30 S. Messa (12.00 il sabato) *                    18.30 S. Messa

20.00 Cena                                                   20.00 Cena

21.00 Compieta e riposo                                  21.00 Compieta e riposo


* Canti gregoriani.


                                                     
                                                ORARI PER LE CONFESSIONI


Lunedì - Venerdì ......................................................... solo al pomeriggio
                                                                                                       dalle 16,45 alle 18.15.

Sabato e Domenica ..................................................... mattina e pomeriggio. 



N.B: Per chiamare il p. confessore rivolgersi in sagrestia o in portineria.

ORIGINI DEL MONASTERO

 
80 anni


di VITA

 di GIUSEPPE POGGI osb

 

                                                                                                         

 


La cronaca del monastero di S. Maria della Scala, curata dal p. Prospero Farioli (lo si riconosce dalla inconfondibile calligrafia), inizia dal giorno 11 luglio 1930, ma con questo preambolo: “Le vie della Divina Provvidenza. Da qualche anno la Comunità di S. Giovanni di Parma... (continua nel pdf).

L'ANTICA CHIESINA


L’antica chiesina rappresenta il primo incontro con Dio in quella innocente campagna che avrebbe poi ospitato l’attuale monastero che con la sua imponente architettura domina la valle.

 

S’innalza tra due grandi cedri che le fanno corona. Un gioiello di arte romanica, dalle linee sobrie e modeste, ma perfette ed eleganti. Questa chiesina bisogna pensarla, come rimase per tanti secoli, sulla vetta di questa collina, sola, senza tutto il complesso attuale degli edifici, quasi regina e dominatrice di questo colle.
 

IN MEMORIA DI PADRE MARIANO MAGRASSI




Vita e testimoninanze di Padre Mariano Magrassi

Abate del Monastero e Arcivescovo di Bari-Bitonto